Prost & Senna: L’arte della guerra

A più di 25 anni dalla morte del brasiliano, la rivalità tra Ayrton Senna e Alain Prost divide ancora i fan della Formula 1. Questi due erano davvero i migliori nemici del mondo?

Prost -Senna, Senna-Prost in qualunque direzione invertiamo i termini dell’equazione, il risultato è lo stesso: quando introduciamo, in un sistema chiuso, due poli completamente opposti e che cercano lo stesso obiettivo, la reazione è inevitabile . E, in generale, fa rumore. A più di 25 anni dalla morte di Ayrton Senna, scoppiata nel bel mezzo della gara di Imola il 1 maggio 1994, è ancora impossibile citarne uno senza riaccendere il fuoco di una rivalità senza compromessi tra due piloti eccezionali.

Per capire questa tensione, esacerbata oltre l’immaginabile tra due uomini spinti dalla stessa passione, si possono, come mille volte è stato fatto, confrontare le somiglianze tra questi due talentuosi piloti. Raccontare le loro traiettorie parallele, i loro inizi nel karting, l’innata scienza di guidare l’uno, il lavoro scientifico e metodico dell’altro per ottenere il miglior risultato…

La rivalità è nata

Ma per riuscire a decifrare le vere ragioni di questa sfiducia, bisogna risalire al momento in cui la tensione si è cristallizzata. Siamo il 3 giugno 1984 a Monaco. Prost ha 29 anni e corre nella migliore squadra del momento: la McLaren TAG. Ayrton, ha 24 anni, sta giocando la sua prima stagione in F1 e guida una modesta Toleman-Hart. Logicamente, quindi, nessuno dovrebbe aver sentito parlare di colei che la sovrastampa televisiva chiama ancora Ayrton Senna Da Silva.

Solo qui: Monaco non è un circuito come gli altri e, in questo giorno, gli dei della corsa hanno il cuore samba. Le trombe d’acqua inondano il circuito, trasformando il suo tracciato angusto in una trappola eliminatoria. Dal diluvio emerge un’auto bianca con le fiancate azzurre guidata da un uomo dal casco giallo. È risalita dal 13 ° al 3 ° posto, poi ha superato la 2 ° McLaren di Niki Lauda e si è portata in seconda posizione, a quasi 30” dal leader Alain Prost. Siamo al 19° round e la nuova stella inizia una pazza rimonta. Al 32° giro, alla curva Rascasse, una bandiera rossa segnala la sospensione della gara. Al traguardo, un’altra bandiera rossa, seguita da una bandiera a scacchi, segnalano entrambi che è finita. Ma in queste condizioni dantesche Ayrton Senna, che sta per sorpassare Prost, non le ha viste. Si scioglie sul traguardo, raddoppia Prost che ha rallentato, taglia il traguardo e, credendo di aver vinto, fa un giro d’onore. Quando, in seguito, fu Prost a ricevere il riconoscimento dal principe Ranieri, Senna si considerò “tradito” dalla FIA. Vorrà quindi costantemente battere Alain Prost e sfidare l’autorità della FIA: Jean-Marie Balestre. La rivalità è nata.

Sarà sgargiante, epico, tra Prost su McLaren e Senna che si è trasferito alla Lotus nel 1985 prima di arrivare, con l’accordo di Prost, nel team McLaren nel 1988. Tutti si aspettano un trionfo, sarà la guerra. Perché se Prost sembra pronto a voler fare il gioco della politica di squadra, Senna, non sostiene la concorrenza. Vuole essere il numero uno, o niente! Dopo una stagione ai ferri corti, Senna vince il titolo.

18 juin 1989, Alain Prost et Ayrton Senna au Grand Prix du Canada à Montréal.
18 juin 1989, Alain Prost et Ayrton Senna au Grand Prix du Canada à Montréal.
25 mars 1984, première victoire d'Alain Prost pour son retour chez McLaren au grand prix du Brésil à Rio de Janeiro.
25 mars 1984, première victoire d'Alain Prost pour son retour chez McLaren au grand prix du Brésil à Rio de Janeiro.

L’anno successivo, la tensione aumentò di un livello. All’Estoril, Senna batte Prost lungo il rettilineo. A Imola lo attacca alla prima curva nonostante un tacito “patto di non aggressione”. L’atmosfera è tale che Ron Dennis, il capo, deve riformulare i suoi piloti. A Senna non importa! Usa tutti i mezzi: la pista, prima, dove è regolarmente più veloce del compagno di squadra, la stampa, poi, che servirà da artiglieria pesante ai due avversari. Dopo ogni Gran Premio che affascina milioni di telespettatori, le persone si riversano sul giornale del giorno successivo per scoprire cosa sta succedendo sotto la patina bianca e rossa della McLaren. I due si riversano davanti ai giornalisti, ma non parlano più. Debolezza.

In effetti è chiaro, sono troppo forti e la F1 è diventata troppo piccola. Non c’è posto per entrambi.

L’atmosfera divenne esplosiva. Prost dichiara ovunque: “Senna vuole umiliarmi, distruggermi!” Senna, in pista moltiplica le provocazioni. Anche se significa arrivare fino alla colpa. In effetti è chiaro, sono troppo forti e la F1 è diventata troppo piccola. Non c’è posto per entrambi. E la paranoia fa il resto. Il resto lo sappiamo… 1989, GP del Giappone: Prost va a sbattere contro Senna e i due finiscono fuori pista. Prost si arrende, Senna riparte, spinto dai commissari, e vince. Ma la FIA lo squalifica e Prost, passato alla Ferrari, si intasca il titolo. 1990, GP del Giappone: autore della pole, Senna si ritrova sul lato “sporco” della pista, nonostante le sue proteste. Convinto che la FIA fosse ancora una volta pronta a “rubare” il suo titolo, ha letteralmente speronato Prost. E ha vinto il titolo per differenza di punti. Brutta.

La storia, però, finisce bene. Il 7 novembre 1993, ad Adelaide, Senna, che aveva appena vinto il GP d’Australia, prese Prost per un braccio e lo portò con sé sul gradino più alto del podio. Manovra di marketing? Anzi. Prost – che ha appena vinto il titolo – ha annunciato il suo ritiro. Senna sa che il suo “bersaglio” ora si chiama Schumacher. Dal momento che Alain Prost non è più un rivale, il brasiliano può fermare la guerra totale, calare la maschera e abbracciare il suo miglior nemico.

Dopo aver scritto alcune delle pagine più belle della storia della F1, i due rivali potrebbero finalmente diventare amici. Purtroppo, il 1 maggio 1994…

Written by

Journaliste automobile et véritable couteau Suisse, Philippe Clément est à l’aise en informatique, photographie, vidéo, gestion de projets, traductions allemand-français et anglais-français. Il contribue à notre rubrique automobile du Magazine.