Porsche, la storia di un mito

Icona automobilistica, la 911 è sopravvissuta ai decenni senza invecchiare. Da sola incarna il genio di Porsche, questa “piccola” casa produttrice che è riuscita in tutto ciò che ha intrapreso. Per diventare un mito.

Agosto 2017, a Chemnitz, Germania orientale. Sto per vivere uno dei momenti più indimenticabili di una carriera da giornalista automobilistico. Davanti a me, sulla pit lane del circuito del Lausitzring, tre “bestie” da competizione: una 911 GT3 Cup, una 911 GT3 RS e una 911 RSR. Tre Porsche “ufficiali” iscritte ai rispettivi campionati. E saremo in grado di prendere il volante! Mentre i meccanici fanno gli ultimi preparativi, i dieci apprendisti “piloti di fabbrica” cercano di concentrarsi. Immergendosi nella storia di questo mitico marchio.

Prima di essere un marchio, Porsche è, come la sua rivale di sempre Ferrari, un cognome. Quella di una famiglia di appassionati di auto, in questo caso. A cominciare dal patriarca Ferdinando, uno dei padri del famoso Maggiolino VW. Un gigante dell’industria automobilistica tedesca, ha trasmesso la sua passione per le cose da rotolare a suo figlio Ferdinand Anton Ernst “Ferry”. Ma a differenza del padre, Ferry non si accontenta di un’auto per tutti, sogna un’auto che va veloce. Nella primavera del 1948 circolarono i primi progetti di uno strano “Maggiolino appiattito” con il nome in codice 356.001.105. L’8 giugno dello stesso anno fece i primi giri un prototipo del peso di 585 chili, dotato di un motore da 35 cavalli che gli permetteva di raggiungere i 135 km/h. Ferdinand e Ferry potrebbero non saperlo ancora, ma hanno appena dato vita a uno dei più grandi miti automobilistici della storia.

Fin dall’inizio, Porsche è nata per andare veloce.

Come il loro bambino, le Porsche vanno veloci. Il 17 marzo 1949 debuttò al Salone di Ginevra la 356 Coupé, accompagnata da una versione 356 Cabrio, la cui produzione fu affidata a un carrozziere svizzero, la Beutler. Altro legame determinante della Porsche con la Svizzera: fu un giornalista svizzero, Max Troesch, a presentare l’anno successivo Ferdinand Porsche a Maximilian E. Hoffmann. Importatore di auto americane, quest’ultimo ha una propria rete di vendita negli Stati Uniti. Fu grazie a lui che, nel 1950, Porsche presentò le sue vetture al Salone di New York.

Fin dall’inizio, Porsche è nata per andare veloce. Quindi per correre. E per vincere. I primi successi ci furono nel 1950, al Rally degli Alpini, poi nel 1951 alla formidabile Roma-Liegi-Roma. E anche alla famosa 24 Ore di Le Mans, dove la leggerissima 356 SL con motore 1.1l ha conquistato la vittoria nella sua categoria. E la storia di successo si allunga man mano che vengono fatte più voci. Fino a quel famoso 10 gennaio 1956, quando la 550 A Sypder vinse la Targa Florio sotto il naso delle più potenti Ferrari e Maserati.

Fu nel 1963 che la leggenda verrà definitivamente consacrata, con tre figure che passeranno alla storia grazie a… Peugeot. Ufficialmente, Porsche doveva presentare la sua 901 al Salone di Francoforte IAA. Tuttavia, Peugeot ha acquisito i diritti sui modelli a 3 cifre con uno “0” al centro. Per questo la star dello stand Porsche non si chiamerà 901, ma… 911. Siamo partiti per 60 anni di successi ininterrotti.

Lo stemma Porsche
dal 1954: lo stemma del Württemberg e la cavalla rampante di Stoccarda.
Lo stemma Porsche dal 1954: lo stemma del Württemberg e la cavalla rampante di Stoccarda.
1964: Nasce un mito: quello che si chiamerà 901 diventerà... 911.
1964: Nasce un mito: quello che si chiamerà 901 diventerà... 911.

Alla fine degli anni ’70, però, la dirigenza volle provare ad andare avanti. Lanceremo il 924, poi il 928. Ma niente da fare, la maionese non prende. Le Porsche a motore anteriore sono molto buone… Audi, ma non Porsche “vere”. I puristi non si stancano mai di questo motore a sbalzo posteriore, di questa silhouette “fastback” e di questo comportamento su strada inimitabile che richiede una grande abilità e un certo senso del pilota per domare la bestia. Con un grande sorriso, Walter Röhrl, prestigioso ambassador del marchio, tira fuori la sua gag alla presentazione di ogni nuova versione della 911: “Riescono sempre meglio a nascondere il principale difetto di progettazione di questa vettura! “. Un amore tale che lo perdoneremo persino per aver abbandonato il tradizionale raffreddamento ad aria per passare al raffreddamento a liquido sulla 996 del 1997.

Il principale punto di forza della 911? È un’auto perfetta per l’uso quotidiano.

Tuttavia, Porsche raggiungerà la grande impresa di produrre alcuni straordinari modelli con motore anteriore. Perforazione contemporanea in segmenti dove non era prevista. Sarà il caso della Porsche Cayenne che, dal 2002, ha dimostrato di poter realizzare un SUV capace di andare a competere con le Land Rover nel fango, prima di tenere alto il tiro con le vere sportive in pista. O la Panamera che, a parte gli esteti, riuscì a convincere tutti che una Porsche poteva trasportare quattro passeggeri. O la Macan, la “baby Cayenne”. Ma è lo stesso con i motori al posteriore – o, meglio, in posizione centrale come sulla famosa 718 da competizione del 1958 – che Porsche scriverà i suoi più grandi successi. La 911, certo, ma anche la Boxster, la Cayman – ah, la GT4 sul circuito di Imola… – la 918 Spyder…

Di recente Porsche ha lanciato una nuova sfida: dimostrare a tutti che, per entrare nel futuro mondo delle “auto 2.0”, era possibile realizzare un’auto 100% elettrica degna del DNA Porsche. È fatto con la Taycan, uno straordinario oggetto high-tech che fa rivivere la magia Porsche in una nuova forma.

Avendo avuto modo di guidare negli ultimi vent’anni quasi tutti i modelli del marchio, dai circuiti caldi del sud dell’Algarve alle distese ghiacciate della Lapponia, possiamo dirvi che non conosciamo un’equivalenza in termini di prestazioni o versatilità, di un altro produttore.
Il principale punto di forza della 911?

È un’auto perfetta per l’uso quotidiano, ma sgonfia leggermente le gomme, attacca i numeri sulle portiere e un transponder dietro il paraurti e hai una vera macchina da corsa, perfettamente a tuo agio in circuito. Togliti i numeri, alza la pressione delle sue gomme e sei pronto per metterti in viaggio per tornare a casa tranquillamente!

Agosto 2017, Chemnitz, circuito Lausitzring. Dopo due sessioni di 30′ ciascuna al volante della 911 GT3 Cup, poi della 911 GT3RS e, infine, della bestiale 911 RSR, ho imparato un’altra cosa su Porsche: se le sue 911 “civili” sono straordinari acceleratori per i privati, destinati per distillare il piacere di guida chilometro dopo chilometro, le sue vetture da competizione sono la porta di accesso a un mondo insolito e grandioso, lontano anni luce da quella che i comuni mortali chiamano “auto”. Un mondo in cui i volanti non sembrano più volanti e in cui l’accelerazione e la frenata sono più simili alle sensazioni che si potrebbero provare a bordo di un jet da combattimento.

Resta il fatto che, anche ripetendo una parte di una tappa di Montecarlo al passo di un “senatore sportivo” al fianco di Vic Elford (ex vincitore della Targa Florio e… 82enne all’epoca della nostra “corsa”) in una 911 del 1968, puoi sentire il tuo cuore battere più forte. In fondo, è qui che sta la “magia Porsche”: la sensazione di essere in un’auto costruita “intorno a te”, su misura, vivace, reattiva e il cui unico scopo è regalarti felicità.

 

Scritto da Philippe CLEMENT

Share Post
Written by

Journaliste automobile et véritable couteau Suisse, Philippe Clément est à l’aise en informatique, photographie, vidéo, gestion de projets, traductions allemand-français et anglais-français. Il contribue à notre rubrique automobile du Magazine.