Peter Sauber, più di mezzo secolo di sport motoristici

A immagine delle Olimpiadi di Tokyo e dell’Expo mondiale di Dubai, che avrebbero dovuto svolgersi nel 2020 e che sono state posticipate al 2021 a causa della pandemia, è stato anche nel 2021 che lo zurighese Peter Sauber ha potuto celebrare davvero i 50 anni della sua squadra partecipando a una gara di F1 per la prima volta dal 2019. Il fondatore della scuderia di F1 – il cui nome è ora associato a quello dell’Alfa Romeo – si era infatti trasferito a Monza il 12 settembre per assistere al Gran Premio d’Italia. Questa è un’ottima scusa per conoscere uno dei pochi svizzeri attivi da molti anni ai massimi livelli del motorsport mondiale.

PETER SAUBER, nato il 13 ottobre 1943 a Zurigo, ha corso un gran numero di piloti famosi dal 1970 al 2021. Tra questi, quattro campioni del mondo di F1: Kimi Räikkönen, Sebastian Vettel, Jacques Villeneuve e Michael Schumacher. Quest’ultimo difendeva infatti i colori di Peter Sauber all’epoca in cui la sua squadra correva con la famosa Sauber Mercedes Silver Arrows che vinse la 24 Ore di Le Mans nel 1989. “Anche oggi, anche se abbiamo vinto in F1 con Robert Kubica al Gran Premio del Canada nel 2008, questa vittoria a Le Mans è il più grande successo della nostra squadra con i due titoli di campione del mondo di sport-prototipi nel 1989 e nel 1990, Ci ha detto Peter Sauber.

Questi successi erano del tutto inaspettati se si pensa agli inizi molto modesti di Peter Sauber in competizione. “È vero”, ammette. “Ho iniziato a correre solo per caso, nel 1967, all’età di 23 anni. All’epoca non ero un fan del motorsport e, curiosamente, lo sono ancora oggi! La mia prima macchina è stata una Citroën 2CV! Tornando ai miei inizi, è stato un amico, Arthur Blank, a spingermi a iniziare e, dopo aver iniziato con un Maggiolino di produzione, nel 1968 sono passato a un Maggiolino abbastanza modificato. Ricordo che durante i primi test ero seduto così in basso che non riuscivo a vedere molto fuori! »

Kimi Raikkonen,
Sebastian Vettel,
Jacques Villeneuve
Michael Schumacher

“Con i suoi finestrini e il suo cofano in plastica, questo Maggiolino non poteva essere immatricolato ed è quindi nella categoria delle auto sportive che ho preso parte a varie gare. Ad Hockenheim ho anche corso nella stessa serie di Jo Siffert e ogni volta che mi portava a fare un giro con la sua Porsche sentivo un grande movimento d’aria che rafforzava ancora di più la mia sensazione di essere fermato! Mi sono anche reso conto molto rapidamente che mi divertivo di più ad armeggiare con le mie auto che a guidarle”, aggiunge Peter Sauber. Questa voglia di armeggiare deriva forse dalla sua formazione? “Nemmeno”, risponde. “Ho fatto un apprendistato come elettricista installatore e, all’inizio, non sapevo nulla di auto da corsa, assolutamente niente. Tuttavia, avevo una certa mente pratica e ho imparato sul lavoro. La prima vettura che portava il mio nome, la Sauber C1, è stata costruita da una vecchia monoposto Brabham F3 (ndr: quella del vallesano Paul Fellay). Ho tenuto il motore così come le sospensioni e ho aggiunto una carrozzeria a due posti di mio disegno. Fu al volante di questa vettura che Peter Sauber fu incoronato campione svizzero nel 1970. “Questa C1 era spinta da un motore Cosworth da 1000 cc e ho vinto il titolo nazionale nella classe delle auto sportive dove lo schema di assegnazione dei punti privilegiava la piccola cilindrata. Tuttavia, questa scala era così complicata che nessuno ne ha mai capito molto”, ride Peter Sauber. “Con questo titolo nazionale mi sono detto che forse non era una cattiva idea ritirarmi per una vittoria e, dopo un’attenta riflessione, ho deciso di non ricorrere mai più. Peter Sauber fece comunque un ultimo tentativo, nel 1973, sulla salita di Hemberg: “Ci ho corso con la Sauber C3 di un mio cliente che non aveva saputo liberarsi dai suoi impegni militari. Avevo deciso di correre solo per poter mantenere la patente nel caso in cui la voglia di guidare mi avesse preso il sopravvento, ma quella è stata davvero la mia ultima gara. Ricorderò anche che quest’ultima gara è andata molto bene visto che ho vinto nella mia categoria. Questo successo, tuttavia, era più attribuibile ai poveri

prestazioni dei miei concorrenti solo per merito mio”, scivola Peter Sauber, sempre molto modesto. Più interessato alla tecnica che alla guida, Peter Sauber si circonda di collaboratori sempre più numerosi man mano che la meccanica diventa sofisticata. “Ho assunto un meccanico per la prima volta quando, all’inizio degli anni ’70, ho deciso di fare della costruzione di automobili la mia professione. Ma siccome non era possibile guadagnarsi da vivere, ho aperto anche un’officina e il mio meccanico non solo mi ha aiutato a costruire i miei prototipi, ma si è anche occupato della manutenzione delle auto in garage. Poi sono stati gli ingegneri ad aiutarmi”, spiega Peter Sauber. La reputazione delle costruzioni di Peter Sauber fa un vero balzo in avanti con il supporto

della Mercedes che gli ha permesso di vincere il campionato del mondo di sport-prototipi nel 1989 e che, in maniera indiretta, gli ha permesso di esordire in F1 nel 1993. Prima dell’arrivo dell’azienda alla star, il successo non era sempre stato lì. “È vero”, fa notare Peter Sauber. “Le perdite molto spesso superavano i profitti e il declino del campionato europeo aveva portato alla scomparsa dei prototipi aperti, il nostro business principale. Tuttavia, siamo riusciti a riprenderci abbandonando temporaneamente la costruzione di automobili e correndo successivamente con F3 Lolas nel 1979 e BMW M1 dell’anno successivo. Poi, la costruzione nel 1985 del C8 motorizzato Mercedes ci ha permesso di risalire la salita e di non abbandonare la nostra attività di costruttori. »

Wendlinger, Frentzen,
& Schumacher

 

La maggior parte delle Sauber è esposta all’Autobau di Romanshorn.

Se vuoi ammirare le auto costruite da Peter Sauber, sappi che la maggior parte di esse si trova a Romanshorn (TG), presso l’Autobau, il più bel museo dell’auto della Svizzera (leggi il numero 4 di Legends Magazine). Fredy Lienhard, l’iniziatore dell’Autobau, ha infatti stretto legami molto stretti con Peter Sauber che ha accettato di depositare la propria collezione di monoposto di F1 a Romanshorn. Questi sono in mostra nel “Polygon”, l’ala est dell’Autobau che ospita anche due monoposto del bernese Neel Jani: una Formula Renault e una monoposto del GP di A1 con cui ha vinto il titolo mondiale nel 2008. . Anche Neel Jani, pilota ufficiale Porsche dal 2013, ha avuto un assaggio del mondo della F1. Prima alla Sauber, dove ha svolto diverse prove aerodinamiche, poi alla Toro Rosso, come terzo pilota per tutta la stagione 2006. A quel tempo, i terzi piloti stavano girando il venerdì. “Neel Jani avrebbe sicuramente potuto fare carriera in F1, sfortunatamente non era nel posto giusto al momento giusto”, si lamenta Fredy Lienhard. Alla domanda se Peter Sauber non avrebbe dovuto iniziare Neel Jani in F1, Fredy Lienhard risponde diplomaticamente: “Avrei sicuramente fatto le cose diversamente da Peter, ma voglio comunque togliergli il cappello per tutto quello che ha fatto. Oggi, il suo team è il 4° più anziano in F1 dietro Ferrari, McLaren e Williams. È ancora piuttosto fantastico, vero? »

Testo: LAURENT MISSBAUER Immagini: SAUBER, LAURENT MISSBAUER E AUTOBAU.

1970-Peter Sauber, campione svizzero al volante della Sauber C1
1968-Peter Sauber, VW Beetle_Foto Sauber
Share Post
Written by