Passione Lancia a Drive Vintage

Molto più di un semplice garage, Drive Vintage offre tutti i servizi che il collezionista affermato, o l’appassionato alle prime armi, può sognare, liberandolo da ogni costrizione per fargli vivere solo momenti di piacere con le sue automobili. Il Team gestisce anche un’impressionante collezione di Lancia del periodo d’oro dei rally, alcune delle quali in versione “Stradale”. I due fondatori, Sébastien e Jeremy, ci trasmettono qui la loro passione per l’automobile, e in particolare per questo marchio storico che sta loro a cuore.

Lancia vince il Campionato del Mondo Rally:

1972: 1° con Fulvia HF

1974, 75 e 76: 1° con gli stratos (che continueranno a correre fino al 1979)

1983: 1° con il rally 037

1987-92: 1° sei volte con il delta HF 4wd poi con la declinazione integrale

1993: il marchio Lancia si ritira dalle corse, lasciando un vuoto nel wrc

L’immobile “Verte Rive” è stato mantenuto in uno stato molto vicino al suo stato originario. È mantenuto con cura e una certa devozione dall’intendente del patrimonio, il signor Thierry Christinat, sottufficiale sottufficiale di mandato. Ne consegue che la nostra intervista è stata ben presto immersa in una certa intimità con questo illustre personaggio a cui gli svizzeri erano molto affezionati. Anche se la parola non era ancora integrata nel nostro vocabolario, traduce questo sentimento, sia venato di rispetto che di gratitudine nei confronti di quest’uomo, piuttosto piccolo rispetto a un acciaio che la dice lunga sulla sua determinazione.

LEGENDS MAGAZINE: Sappiamo che sei appassionato di auto, e in particolare del marchio Lancia. Come è iniziata la tua collezione?

SEBASTIAN: Sei ben informato! Mi hai incontrato una volta sulla strada per la nostra bellissima regione? Più seriamente, quando ero ancora un ragazzino, giocavo con auto in miniatura 1/43. Poi crescendo ho continuato questa collezione con modelli leggermente più grandi, in scala 1/1. È qui che ho iniziato a “prendere in prestito” l’auto di mio padre: una Lancia Delta Intégrale Evo I con la quale ho superato l’esame di guida. Ma la cosa più importante per me era poter condividere questa passione con le persone a me care: mio papà, e il mio padrino Brunello che aveva una concessione a Lugano. Senza dimenticare Giovanni Sinopoli che, nel corso della sua carriera, ha curato la gestione delle vetture del Gruppo Fiat per la stampa e le preparazioni per le competizioni. Quindi fin dalla mia nascita nel 1974 e soprattutto dall’adolescenza, mi sono sempre interessato alle auto da corsa. Abbiamo seguito le gesta del marchio anche al WRC (World Rally Championship), dove Lancia è stata incoronata più volte campione del mondo. Agli occhi di alcuni questa collezione può sembrare importante, mentre per altri merita di essere completata con le versioni da corsa del gruppo A e B, ma anche con i modelli futuristici.

LEGENDS MAGAZINE: Lancia era il segno distintivo dei rally. Questa passione per le corse ti guida ancora?

SEBASTIAN: Questa passione non mi lascerà mai. Nessun’altra vettura oltre alla Lancia ha avuto così tanti riconoscimenti. Essendo anche un appassionato di Formula 1, vivo la mia passione appena posso, ma le occasioni sono rare perché ci sono molte restrizioni a causa dell’inquinamento acustico, ecc… Rimango comunque ad ammirare il mondo dei rally e di chi la pratica. Anche se la passione per le corse rimane molto presente, non ci sono molte possibilità per guidare nei rally da dilettante.

LEGENDS MAGAZINE: Lancia è anche uno dei marchi più copiati. Offri consigli ai tuoi clienti per non sbagliare nell’acquisto di questo tipo di veicolo:

JEREMY: Naturalmente, supportiamo ogni cliente in cerca di consulenza e competenza. Il mondo delle auto d’epoca è ingannevole e talvolta rischioso. Ogni veicolo merita un controllo approfondito sia dal punto di vista tecnico che storico. In cinque anni siamo stati in grado di acquisire un database impressionante che ci permette di identificare le “buone auto”. Un’esperienza di cui beneficiano i nostri clienti quando cercano la perla rara o quando vendono il loro veicolo. Li consigliamo nel miglior modo possibile durante questi passaggi, senza influenzarli nelle loro aspirazioni.

 

SÉBASTIEN: Da parte mia direi che Lancia è più che copiata. Molti veicoli sono addirittura “manomessi”. Ogni pilota o proprietario di questo marchio è qualcuno che ha voluto soprattutto divertirsi. A volte anche apportando qualche modifica per provare le sensazioni di un Alén, Oriol o Toivonen, tutti titolati sotto lo stemma di questo marchio italiano. Comunque, qualunque sia la passione, la regola d’oro da osservare sempre: mantenere il veicolo nel suo stato originale.

LEGENDS MAGAZINE: Potresti dire che i tuoi servizi sono discreti, ma non segreti, perché?

JEREMY & SÉBASTIEN: Siamo nell’immagine dei nostri clienti che trovano nel nostro team un’elevata qualità del servizio e uno spirito di famiglia.

 

LEGENDS MAGAZINE: Uno dei nostri lettori vorrebbe partecipare al festival di Goodwood con la sua auto d’epoca. Potete consigliarlo su richiesta e impostare un progetto del genere?

JEREMY: Ovviamente, questo fa parte dei servizi offerti da Drive Vintage. Organizziamo assolutamente tutto, dalla A alla Z.

LEGENDS MAGAZINE: Potresti dirci di più sul “Bunker Car Hotel”?

JEREMY: Il Bunker Car Hotel non è un progetto, ma un concetto che esiste già all’interno di Drive Vintage. Si tratta di uno spazio pensato e pensato per il deposito di auto d’epoca. È collegato a un insieme di servizi di portineria auto. Ad oggi disponiamo di diversi spazi sicuri, molto discreti, che ci permettono di mantenere i mezzi affidati in completa riservatezza. Grazie alla sua esperienza, Drive Vintage è anche in grado di progettare e realizzare spazi di archiviazione per privati. SÉBASTIEN: Il nome Bunker Car Hotel permette di racchiudere tutti gli elementi del nostro concept. Bunker: Sicurezza e discrezione / Auto: Auto / Hotel: Camera e servizio. Come laureato EHL, il parallelo è stato naturale con il servizio da offrire per collegare queste due passioni.

 

LEGENDS MAGAZINE: Perché hai scelto questa location per questo servizio fotografico?

JEREMY: Per molti aspetti, è un luogo atipico nell’area del Lago di Ginevra. Si prevede inoltre di dedicare i 3.000 m² di questa ex segheria del 1934 all’artigianato e al tema degli oggetti rotolanti in generale. Sono inoltre previste un’officina meccanica e un servizio di vigilanza. I clienti avranno così la possibilità di lavorare autonomamente sul proprio veicolo, guidati da un professionista. Versatile, questo luogo sulla costa vodese offrirà spazi flessibili ai futuri inquilini e darà un posto d’onore alla cultura e ai prodotti locali. Vero e proprio luogo di incontro, verrà di volta in volta utilizzato come infrastruttura per eventi e consentirà, tra l’altro, di realizzare servizi fotografici, organizzare lanci di veicoli o anche test drive con diversi dealer. A contatto con la natura, offrirà una partenza diretta sulle strade del Giura, senza passare per la città, offrendo un piacere di guida immediato che delizierà collezionisti e appassionati. Insomma, l’obiettivo è ricreare un universo amichevole, a cominciare da una mazza. I membri beneficeranno di un’offerta e di un’area di intrattenimento in questa lounge e potrebbero imbattersi, durante una visita, in alcuni rinomati piloti che vivono nella regione. Questa comunità riunirà epicurei così come imprenditori, leader aziendali o semplicemente appassionati. Quindi resta sintonizzato!

Screenshot 2021-09-04 alle 20.26.40
Screenshot 2021-09-04 alle 20.26.48
Share Post