Meister Engineering l’arte svizzera delle moto custom

Molto più che di usanze, si tratta qui di vere e proprie creazioni degne dell’età d’oro della meccanica.

“Reinventato, ricostruito e riportato in vita” è il motto di Antoine Meister. Originario di Schwitz, ha fondato la Meister Engineering nella regione di Ginevra dove soddisfa la sua passione creativa dando vita a tante moto eccezionali. “Quando ho iniziato, tutte le dogane partivano da una base Harley Davidson”, ci confida. Pochissime persone lo hanno fatto “alla maniera inglese” con cafe racer e scrambler. Tanto che si è precipitato sulla breccia con tutta la sua creatività per diventare uno dei pionieri. Originariamente specializzati in BMW, molti altri marchi prestigiosi ora passano nelle mani del maestro Meister, come Triumph, Suzuki, Ducati, Honda solo per citarne alcuni. Ad oggi nei suoi locali sono state realizzate più di cento motociclette. Iniziata l’avventura a 13 anni, prima mette le mani su un motorino, prima di iniziare a vendere le sue prime creazioni nel parcheggio dell’Università. Da allora la sua fama si è diffusa in tutta Europa per le sue conversioni. Che altro dire se non che non è laureato in meccanica, che ha aperto la sua azienda all’età di 22 anni, e che ha solo 30 anni! Che c’è del genio? Certamente ! E che tour de force aver ottenuto le certificazioni svizzere DTC per apportare modifiche all’intero telaio. Questo Graal preziosissimo e indispensabile, che gli permette di partire

esplodere la sua creatività garantendo al tempo stesso l’approvazione delle sue opere on the road. Qualunque sia l’entità della sfida, dalla più modesta alla più lussuosa, la sua creatività si esprime pienamente e si traduce sistematicamente in capolavori di cui a volte è molto difficile riconoscere il modello originale, tanto la trasformazione è profonda. Le sue moto sono costruite non solo come opere d’arte, ma anche per aumentare il piacere di guida. Lo testimoniano le modifiche apportate al motore, alle sospensioni, nonché alla struttura. Il cliente può portare la propria moto come base, oppure scegliere tra un’ampia selezione di “pre-basi” ricondizionate offerte da Meister Engineering. Inizia quindi l’avventura tra l’artista e il futuro felice proprietario, che determina ogni fase della creazione. Inizia una discussione per disegnare il progetto, scegliere gli elementi da trovare o lavorare, nonché per definire il budget complessivo. Tutto è revisionato, sia il motore, gli elementi elettrici, la vernice e gli accessori. Antoine Meister, assorbe la personalità del cliente per dargli una personalizzazione su misura. Porta la sua esperienza e il suo know-how, assicurandoti così il successo e l’armonia del tuo progetto. Per i più impazienti, è anche possibile acquisirne direttamente uno dei tanti

creazioni in loco, presso il suo showroom di Ginevra. Il dinamismo di Meister Engineering è impressionante, con due o tre prototipi creati in ogni momento, oltre alle richieste dei clienti. Ciò consente di ampliare ulteriormente il catalogo delle modifiche omologate, pur presentando l’ampiezza delle possibilità. E quando si parla dei vincoli normativi imposti dalla Svizzera, risponde sorridendo che «contrariamente a quanto si crede qui, non è l’omologazione il limite, ma la fantasia! “. La Meister Engineering è infatti l’azienda svizzera con il maggior numero di omologazioni di modifiche strutturali per motociclette.

Rivista Leggende

Osservando uno dei suoi ultimi successi, non si può che rimanere affascinati dalla nuova vita che è riuscito a infondere in una vecchia BMW, la K100. Prodotta tra il 1983 e il 1990, si distingue per il suo motore portante a 4 cilindri in linea da 1000 cm³. Decorato all’epoca con il soprannome di “Flying Brick”, di solito suscita poco entusiasmo e viene addirittura spesso cannibalizzato da altri progetti di cafe racer. Senza contare l’audacia unita alla creatività di Meister Engineering, che ha permesso di ingrandire questa motocicletta per portarla a nuovo splendore. Apprezziamo particolarmente l’importante lavoro svolto sulla sospensione posteriore montata orizzontalmente sulla fiancata, con bracci lavorati in alluminio aeronautico. La carenatura nuda e l’assenza di telaio mettono in risalto l’imponente motore a 4 cilindri in linea. La sua funzione strutturale e le trombe di aspirazione prominenti lo rendono tutto ciò che vedi. Questo effetto è ulteriormente rafforzato dal contrasto tra le ruote a raggi molto ariose e la sella sospesa a sbalzo in alto sopra la ruota. Cura dei dettagli, fascino ed eleganza fanno il resto. Questo è il motivo per cui ti consigliamo vivamente di visitare il suo sito Web o di spingere le porte del suo showroom per scoprire altre sue creazioni. Per il resto, Antoine Meister promette di rivelare i suoi progetti di retrofit elettrico che siamo lieti di scoprire.

Officina e Showroom

24 route de Compois 1252 Meinier Solo su appuntamento Telefono: +41 79 33 66 129

30 Rue Maunoir, 1207 Ginevra Martedì, mercoledì e venerdì 14:00 – 19:00 Giovedì 14:00-19:30 Sabato 13:00-17:00 Telefono: +41 79 33 66 129 Store e Showroom

Testo: NICOLAS DAZORD
Immagini: MEISTER ENGINEERING

imageonline-co-grayscaleimage
imageonline-co-in scala di grigiimage (2)
Share Post