McLaren GT, l’arte del Gran Turismo sportivo

La McLaren GT è, senza dubbio, più comoda e più spaziosa delle sue sorelle. Ma resta soprattutto un razzo nato a Woking. Con tutto il DNA che caratterizza la McLaren per eccellenza…

Lungo , largo, lussuoso. La prima impressione lasciata dalla McLaren GT è davvero notevole. A prima vista, inoltre, si nota ciò che fa della “zampa” del design le bellezze di Woking: un cofano molto corto, un abitacolo in gran parte vetrato e un tetto che si allunga fino all’estremità della bassissima poppa. Aggiungi a quelle grandi prese d’aria, cerchi di dimensioni generose e un design che nulla si rompe.

Chi dice Gran Turismo, dice viaggi a lunga distanza e quindi bagagli. Con una semplice pressione di un tasto, viene rilasciato un enorme portellone posteriore in vetro che consente l’accesso a uno dei “bauli” più strani che abbiamo mai visto. Una cassaforte? Seduto appena sopra un motore da 4 litri con oltre 600 cavalli? Cosa sciogliere la sua borsa Vuitton? No: gli ingegneri hanno sviluppato un sistema di raffreddamento ad aria, catturato lungo i lati da grandi prese d’aria, per evacuare il calore dal motore e proteggere il contenuto della stiva! E, esperienza fatta, funziona.

E là, mazette, che concerto!

Tuttavia, questo bagagliaio posteriore è, in effetti, uno spazio abbastanza basso, che va dalla parte posteriore dei sedili al paraurti posteriore in cui, ne sono certi gli ingegneri, è possibile trasportare più di 400 litri di carico. Da parte nostra, due bagagli a mano dovrebbero stare lì senza alcun problema, appena dietro i poggiatesta. Ma non si tratta di immaginare di infilare un’altra “valigia” nel resto. La McLaren afferma che può contenere una… sacca da golf. Ti garantiamo l’ingresso di una borsa porta abiti o, al massimo, di un (piccolo) beauty case. Ma siamo onesti e citiamo ancora il bagagliaio anteriore capace, come in una Porsche 911, di ospitare due bagagli a mano e un borsone.

È aprendo le porte che si nota di più il perché dell’acronimo GT. L’abitacolo è più grande, i sedili un po’ più spessi, il lusso anche un po’ più avanzato. Tutto è scontato, aggiustato, “ergonomizzato”: è superbo. Dopo un’installazione relativamente semplice a bordo, acquisiamo familiarità con l’ambiente. Qui niente plancia che fa perno, come nella 650 LT, o “oblò” in fondo alla porta come sulla Senna. I designer hanno voluto rendere questo pozzetto un comodo bozzolo, in cui ti senti bene come nel tuo soggiorno. Una volta regolato il sedile e regolato il volante, non resta che premere il pulsante START…

A seconda della modalità di gestione scelta, l’esperienza è diversa. In modalità “comfort” il ronzio del motore è filtrato e stiamo già sognando una strada che si allunga verso il mare, offrendoci magnifici paesaggi da ammirare. In modalità “sport” o, a maggior ragione, in modalità “race”, il brano è molto diverso. Valvole aperte, il blocco motore parla molto più liberamente. E appena i primi fidanzati, scopriamo che il nostro “salotto” non è montato su ruote, ma su pneumatici extra larghi! E questo è buono! Perché dopo aver scaldato i meccanici lungo la baia di Saint-Tropez, passiamo Cogolin e ci incamminiamo per le stradine tortuose dell’entroterra, verso il castello di Taulane ai margini della Route de Napoléon. E là, mazette, che concerto!

McLaren-GT-GlobalTestDrive-0444-scaled-blackwhite

Una volta in modalità “sport” – la modalità “race”, messa a punto per il circuito, non porta altro che una maggiore “libertà” all’asse posteriore – allora si assaporano le gioie della GT in stile McLaren. Ma ti avvertiamo fin dall’inizio, è probabile che al tuo copilota piaccia di meno: a meno che tu non sposti il sedile abbastanza in avanti da poter “spingere” i piedi, è abbastanza difficile contrastare tutti gli effetti delle forze laterali aiutandoti solo con la maniglia installata nell’estensione del bracciolo… Ma guidare, che piacere! Qualunque GT sia, questa vettura sfrutta al massimo i progressi compiuti dalla McLaren in termini di smorzamento controllato, sterzo ultra preciso e frenata stratosferica. A questo livello, si lascia dolcemente il mondo della guida per quello del pilota e si beneficia di una precisione e di una notevole scorrevolezza di traiettoria, unita a un comfort molto reale di filtrare le irregolarità della strada.

Di gran lunga non radicale come alcune delle altre star del marchio, la bellezza non fa contare: sarà una GT, ma è soprattutto una McLaren. È quindi inebriante cambiare marcia, al volo, tramite i paddle al volante che possono essere azionati tirando o spingendo. Giochiamo con l’equilibrio dell’auto per superare le curve a velocità sorprendenti. Ritardiamo la frenata solo per vedere fino a che punto la McLaren GT ci permetterà di andare “oltre”. E apprezziamo, curva dopo curva, accelerazione dopo accelerazione, l’eccezionale qualità della sua manovrabilità.

E poi, una volta sazi, torniamo alla modalità GT. Siamo estasiati, ancora una volta, di fronte a questo comfort ea questa raffinatezza. Improvvisamente, ne approfittiamo per giocare con il tetto in vetro la cui opacità viene regolata, con la semplice pressione di un pulsante, per passare dal chiaro al più scuro, proprio per proteggerci dai raggi solari. Un’opzione piuttosto carina se ti rimangono ancora qualche soldo dopo aver speso i 187.000 euro che costa questa bellissima inglese a distanza.

McLaren-GT-GlobalTestDrive-0014-scaled-blackwhite
McLaren-GT-GlobalTestDrive-0331-scaled-blackwhite

Lontani da queste vili considerazioni materialistiche, sfruttiamo al meglio questi ultimi chilometri che ci riportano alla pausa pranzo, giocando sulla coppia oltre che sull’imponente freno motore, scalando marcia in entrata di curva per “arrotolare” meglio in uscita , per garantire una guida fresca e scorrevole, significativamente più piacevole per il passeggero o il passeggero. E cominciamo a sognare di tornare giù, per lo spazio di un weekend, in questa Costa Azzurra che ci siamo appena lasciati alle spalle. Promessa: se vinciamo alla lotteria, lo facciamo…

Scheda tecnica

Il motore M840TE, V8 biturbo da 4,0 litri, 3994 cc
Posizionamento Longitudinale, motore centrale, propulsione
Potenza PS
(CV/kW)
620 (612/456) a 7.500 giri/min
Coppia Nm
@giri/min
630 @ 5.500-6.500 giri/min
Trasmissione 7 velocità + retromarcia SSG.
Modalità Comfort, Sport e Pista
Direzione Idraulico; Assistito
Telaio Monoscocca monostadio in fibra di carbonio II-T,
con parte posteriore superiore in fibra di carbonio e
strutture di sicurezza anteriori e posteriori in alluminio
Sospensione Doppio braccio oscillante in alluminio; ammortizzatori
adattivo indipendente con smorzamento proattivo
Dai un’occhiata. Modalità Comfort, Sport e Pista
Freni Dischi in acciaio (AV 367mm; AR 354mm) e pinze a 4 pistoncini (AV e AR); optional: dischi carboceramici con pinze in alluminio forgiato
Cerchi Anteriore: 8J x 20; Posteriore: 10,5 J x 21
Pneumatici Pirelli P ZERO™ Anteriore: 225/35/R20; Posteriore: 295/30/R21
Lunghezza 4683 mm
Interasse 2675 mm
Altezza 1213 mm
Lunghezza
(con specchi)
2095 mm
Lunghezza
(specchi piegati)
2045 mm
corsie Anteriore: 1.671 mm; Posteriore: 1.663 mm
Peso scaricato 1466 kg
Peso DIN
(con fluidi e benzina al 90%)
1530 kg
Peso USA (con fluidi e benzina 100%) 1535 kg
Distribuzione del peso AV 42,5% / AR 57,5%
Capacità
serbatoio
72 litri
casse 570 l (anteriore: 150 l; posteriore: 420 l)
Share Post
Written by

Journaliste automobile et véritable couteau Suisse, Philippe Clément est à l’aise en informatique, photographie, vidéo, gestion de projets, traductions allemand-français et anglais-français. Il contribue à notre rubrique automobile du Magazine.