Louis Maulini, un costruttore al volante

[{wpml_trans_unit_3_0_0_-1_0} type=”{wpml_trans_unit_3_0_0_-1_1}” color=”” background_color=””]È[/{wpml_trans_unit_3_0_0_-1_0}] con la stessa cura dei dettagli, la stessa passione per il “bel lavoro” e la stessa determinazione a fare il meglio che Louis Maulini ha costruito, dall’alba degli anni ’70, un solido track record nelle corse automobilistiche, principalmente single -posto. Lo vediamo però comparire al famoso “Rally di Ginevra” nel 1971 con il fratello Michel al volante di una Lancia HF nei colori della “Ecurie de la Meute” di cui è uno dei pilastri, avendola presieduta da 1987-1991. Non saremmo completi se non menzionassimo la sua famosa CHEVRON 2L con la quale vinse il campionato interno di Meute nel 1976. Fu da lì che Louis passò alle monoposto e più in particolare alla Formula 3 con un modello del 1974 che, nonostante fosse stato aggiornato durante l’inverno, si rivelò molto poco competitivo. Fu l’acquisizione di un modello più recente che le permise di iniziare ad affermarsi. La carriera sportiva di Louis Maulini, che è un pilota amatoriale, oltre ad essere stato un importante business leader nel suo settore è, c’è da sottolineare, notevole: vicecampione svizzero F3 due volte e una volta 3° Menzione speciale per il campionato 1980 che sfuggì a Louis Maulini solo per un soffio mentre guidava un efficientissimo MARZO 803 purtroppo distrutto durante l’ultima gara di Hemberg. Questo è il luogo per ricordare le esigenze estreme del campionato svizzero e questa convinzione totalmente illusoria che le gare “da soli contro il tempo” siano meno pericolose di quelle in circuito. Senza dimenticare di dire, forte e chiaro, che i circuiti sono tutti mezzi di scuole di volo, sempre utili per la sicurezza stradale in generale!
Parentesi chiusa.

2021: Louis Maulini a bordo della sua monoposto 100% Ginevra, di Filipinetti e che ha
corse nel 1962 a Monza

È l’illustrazione di quello che gli inglesi amano definire un “gentleman racer”.

Da segnalare anche i suoi tentativi di partecipare al GP di Monaco F3 che gli sono sfuggiti per poco durante i test. D’altra parte, questa esperienza gli ha dato l’opportunità di misurarsi con l’élite mondiale della disciplina. Fu certamente ricco di lezioni per il resto della sua carriera. Ha posto fine alla sua partecipazione ai vari Campionati a causa di regolamenti sempre più schizzinosi che cambiano ogni anno. Partecipa invece molto volentieri a gare riservate alle auto storiche, sempre accompagnato, come negli anni ’70, dalla moglie.


Motore Cossworth pre cross-flow 1100 cc 3 cuscinetti

LOUIS MAULIN

Fu infatti dalla fine degli anni ’80 che si interessò alle auto storiche e acquistò un relitto di una Lotus Elan che gli permise di vincere lo Swiss Historic Trophy nel 1990. Il veicolo che ci interessa oggi è una Cooper T59 BMC che fu parzialmente distrutto sul circuito Vetraz-Monthoux (vicino a Ginevra) da un pilota ginevrino, Willy Schiess, e ritrovato nello Chablais. Questa monoposto, che ha potuto riacquistare nel 2018, è stata acquistata da Georges Filipinetti, boss della famosa squadra omonima nel 1962 quando era presidente della FSEA (Federazione Svizzera delle Scuderie Automobilistiche) per metterla a disposizione della Federazione . Allo stesso tempo, è stata costituita una “squadra nazionale svizzera” per supportare i piloti di alto livello. Il compianto Jo Siffert, consigliato da La Meute per l’occasione, era ovviamente uno di questi. Questa Cooper, che Louis Maulini ha restaurato completamente e rimesso nella sua configurazione originale ad eccezione del motore, una Ford-Cosworth 1100 cc dello stesso periodo ha sostituito la BMC, è quindi una monoposto importante per la storia di entrambi i suoi unici proprietari del motorsport svizzero. Va anche notato che questa macchina è stata ricostruita nel garage di Louis con l’aiuto di artigiani locali. Ciò che colpisce particolarmente quando ci si avvicina a Louis Maulini è, da un lato, il suo sorriso sempre presente e, dall’altro, la sua umiltà da corridore”. Non c’è dubbio che avrebbe potuto portare lo sport un po’ più in là. Ha preferito che questo rimanesse il suo hobby, dedicando la sua carriera professionale all’azienda di famiglia che è una delle migliori nel suo campo e di cui il recente progetto di ristrutturazione del Conservatorio di musica di Ginevra è sicuramente un fiore all’occhiello oltre che una straordinaria abilità tecnica. La sua pratica del motorsport è nell’immagine del professionista delle costruzioni: molto premuroso, supportato da un team di persone dedicate e particolarmente attento ai dettagli poiché, si sa, al diavolo piace nascondersi lì. Decisamente, Louis Maulini è un costruttore che ha costruito una bellissima storia sportiva personale. Legends Magazine lo ringrazia per l’accoglienza, la disponibilità e l’accesso alle sue auto storiche.

Testo: PATRICK DIMIER
Immagini: LOUIS MAULINI

EPOQUE_1980 Maulini marzo-min
EPOQUE_1979 Maulini Gurnigel-min
Share Post
Written by