Chevrolet: un nome, una leggenda, un orologio

Dietro un’azienda, un marchio, ci sono sempre donne e uomini a scrivere la storia. Quello di Chevrolet non fa eccezione a questa regola, ma è nella sua genesi il sogno di un uomo: Louis Chevrolet.

Il giorno di Natale del 1878, Marie e Joseph (non si può inventare) diventano i genitori felici di un bambino che chiameranno: Louis. Nato in Svizzera a La Chaux-de-Fonds, capitale dell’alta orologeria, dove suo padre lavorava lì come orologiaio, il giovane Louis ha mostrato molto presto il suo gusto per la meccanica. Gli piaceva aiutare il padre in questo lavoro meticoloso e impegnativo richiesto dall’alta orologeria. La famiglia Chevrolet era originaria di Bonfol nel canton Giura, a pochi chilometri dalla fabbrica di orologi che oggi porta il nome di questa illustre famiglia. vi abitarono per molti anni prima di stabilirsi in Francia. E fu qui, a Beaune, che il giovanissimo Louis iniziò la sua carriera di meccanico. Non sono gli orologi che ripara, ma le biciclette. Un buon inizio per imparare. È anche qui che sono nati i primi desideri di avventura nello spirito viaggiante di Louis Chevrolet. L’America lo fa sognare, ma è ancora troppo presto.

Lo troviamo a Parigi, alla Darracq, famosa casa automobilistica di inizio ‘900 e preparatore di auto da corsa. Una splendida opportunità per il giovane di imparare il rigore della performance. A 22 anni, Louis Chevrolet arrivò negli Stati Uniti e fu assunto da De-Dion-Bouton a New York. Siamo nel 1900 e qui tutti i sogni sono possibili.

Il nome di Louis Chevrolet inizia a farsi conoscere ai quattro angoli del nuovo continente.

Nascita di un campione

Non ci vorrà molto prima che Louis mostri il suo talento. Se la meccanica è un’arte che padroneggia, è anche un ottimo pilota. Iniziò la sua nuova carriera in Fiat e vinse la sua prima gara nel 1906. Nel 1907 batté il record del “Mile” con un Darracq e nel 1909 si classificò secondo miglior pilota del campionato americano. Il nome di Louis Chevrolet inizia a farsi conoscere ai quattro angoli del nuovo continente. Approfittò della sua notorietà per intraprendere un’avventura industriale creando nel 1911 la “Chevrolet Motor Company of Michigan”, il cui motto era “Non mollare mai”. La prima Chevrolet prodotta fu la Classic Six, una berlina top di gamma, curata nei dettagli e particolarmente innovativa per l’epoca. Se la sua linea era negli standard di questo inizio del XX secolo, brillava di molte attenzioni facilitando la vita dei suoi cinque passeggeri. Il suo sistema decappottabile era naturalmente molto popolare tra i clienti, consentendo all’auto di essere utilizzata tutto l’anno. Era dotata di un motore a T a 6 cilindri da 4,9 litri che poteva raggiungere senza sforzo i 105 km/h e aveva un cambio a tre velocità con la leva montata a terra. Il massimo della modernità e del lusso, il suo contagiri era illuminato. Questo è il modo in cui misuriamo i progressi compiuti nell’automobile confrontandoli con le nostre auto attuali. Tuttavia, nel 1911, la Chevrolet Classic Six aveva argomenti seri per sedurre. Ma per Louis Chevrolet stava per essere scritta una nuova pagina. A seguito di numerosi disaccordi con il suo partner William Durant, vendette le sue azioni e il suo nome e costruì la sua auto da corsa. Potente e leggero grazie all’uso accorto dell’alluminio, stabilirà la reputazione di Louis Chevrolet. Sfortunatamente, suo fratello minore Gaston morirà al volante nel 1920 durante una gara; aveva solo 28 anni. Questa tragedia ha toccato l’intera comunità automobilistica e Gaston Chevrolet è stato incoronato campione americano postumo.

Dopo la morte di Gaston, Louis tornò al suo primo amore, la meccanica. Ha poi fondato con il fratello Arthur la società “Chevrolet Brothers Manufacturing Company”. Sviluppa e costruisce motori per aerei e, naturalmente, motori per automobili. Louis morirà il 6 giugno 1941 a seguito di una lunga malattia e sarà sepolto a Indianapolis, aveva 62 anni. Il cimitero pubblico di Indianapolis ha installato un memoriale per rendere omaggio a questo uomo eccezionale che ha iscritto il suo nome nella storia americana.

Ritorno alle basi

62 anni dopo la morte di Louis Chevrolet, un uomo decide di acquistare i diritti su questo nome leggendario. Dietro questa nuova storia: André Saunier. Una persona appassionata e un sognatore ad occhi aperti, guidato dalla sua creatività e audacia. Passano tre anni e nel 2006 nasce l’azienda “Louis Chevrolet Swiss Watches Company”. Se Louis potesse vederlo, penserebbe sicuramente che il cerchio è completo. Il figlio di La Chaux-de-Fonds, il figlio di Bonfol torna in campagna, fiuto nella meccanica, ma questa volta nell’orologeria. Tutto questo ha un senso, auto e orologeria hanno tanto in comune, tanto da condividere… Nel 2016 l’azienda ha accelerato il movimento, si è rivelata più “ribelle”, infrangendo i codici dell’orologeria tradizionale per il massimo piacere dei suoi clienti alla ricerca della modernità. Il modo in cui vende i suoi prodotti direttamente dalla sua fabbrica con sede a Porrentruy, nel Giura svizzero, così vicino all’infanzia di Louis, o su Internet, è già un segno di cambiamento, consentendo di ridurre il prezzo di vendita offrendo orologi di qualità, ovviamente made in Switzerland!

Share Post
Written by

Motard de presse, journaliste moto et life style, “Dominique” a plus d’un million de kilomètres au compteur. Après 15 années de journalisme dans l’univers du luxe où il s’est imprégné du savoir-faire des grandes marques en termes d’organisation.