Buehler Turbo Craft – Rinascimento

Lanciato alla fine degli anni ’50, il marchio Turbocraft fu il primo a commercializzare il rivoluzionario sistema di propulsione a idrogetto: accelerazione istantanea, manovrabilità impareggiabile e le linee firmate da grandi designer fecero subito scalpore.

Per dimostrare le sue prestazioni senza precedenti, nell’agosto del 1960 diverse barche furono inviate sulle possenti rapide del fiume Colorado, un’incredibile saga raccontata in dettaglio in un articolo del National Geographic del 1962 intitolato “Nove contro il fiume”.

Nel corso degli anni ’60 il marchio divenne rapidamente popolare e sinonimo di modernità e innovazione. Avendo acquisito lo status di marchio di punta offrendo un prodotto di alta qualità, Turbocraft di una clientela esclusiva e famosa come la famiglia Kennedy che lo possedeva per lo sci nautico e i servizi segreti americani per le sue prestazioni e facilità di manutenzione e utilizzo di Turbocraft. . Nel 1962 Nikita Khrushchev, leader dell’URSS, ne ordinò una copia che alla fine non fu mai consegnata dopo lo scoppio della crisi cubana nell’ottobre 1962
Nemmeno James Bond ha saputo resistere al seducente cocktail di innovazione tecnologica ed eleganza distintiva offerto da Turbocraft. Nel file “Thunderball” del 1965 con protagonista Sean Connery, una barca Turbocraft compare in molte scene con James Bond e la deliziosa Bond girl “Domino” Derval. Dopo il successo del film, Turbocraft ha ribattezzato il suo modello Thunderball.
Il mix di innovazione radicale ed eleganza distintiva ha sedotto una vasta clientela per tre decenni. Le linee distintive delle barche progettate da Virgil Exner e il loro utilizzo da parte di agenzie governative come la CIA hanno affascinato molti. È nato un marchio iconico.
Oggi TURBOCRAFT rinasce con un modello innovativo, SILVERFIN, e più eco-friendly per il quale il marchio ha ricevuto un premio e un aiuto all’innovazione dal cantone di Vaud.

 

Share Post
No comments

Sorry, the comment form is closed at this time.