Ayrton Senna? Un pilota e analista geniale!

C 1991-2021: sono passati 30 anni da quando Ayrton Senna ha vinto il suo terzo e ultimo titolo mondiale di F1 al volante di una McLaren-Honda. In questa occasione Legends Magazine svela un episodio sconosciuto nella carriera del prodigio brasiliano: la sua partecipazione alla 1000 km del Nürburgring al volante di una Porsche 956. Quel giorno, il 15 luglio 1984, il suo genio del volo venne alla luce.

“Oh beh, non sapevo che Ayrton Senna avesse corso al volante di una Porsche all’inizio della sua carriera. Abbiamo sentito questo commento più volte durante le settimane di indagine che hanno portato alla stesura di questo articolo… La 1000 km del Nürburgring che Ayrton Senna aveva disputato al volante di una Porsche Joest Racing, il 15 luglio 1984, durante la sua prima stagione di F1, è infatti un episodio per i meno conosciuti della sua carriera. Sconosciuto ma rivelatore delle sue doti di pilota e soprattutto di geniale analista. Questa è comunque l’opinione del portoghese Domingos Piedade che all’epoca era il direttore sportivo della Joest Racing.

Durante la lunga intervista che ci ha rilasciato qualche anno fa al Salone di Ginevra, Domingos Piedade ha svelato diversi dettagli che ci permettono di capire meglio le formidabili capacità di Ayrton Senna. “Dato che parlavo portoghese, non mi ci è voluto molto per fare amicizia con Ayrton e prendermi cura di lui
interessi all’inizio della sua carriera”, ci ha raccontato Domingos Piedade che ci ha lasciato il 19 novembre 2019, all’età di 75 anni, in seguito
da una lunga malattia.

Nel 1984, Ayrton Senna era solo alla sua prima stagione in F1 e guidava una modesta Toleman. Nonostante si fosse distinto finendo 2° dietro ad Alain Prost al GP di Monaco interrotto prematuramente a causa della pioggia, non era ancora molto conosciuto dal grande pubblico. Al massimo lo abbiamo notato durante la gara VIP che la Mercedes aveva organizzato il 12 maggio 1984 in occasione dell’inaugurazione del nuovo circuito del Nürburgring. Durante questa manifestazione, disputata al volante di Mercedes 190E 2.3-16, tutte identiche e vicine al modello di serie, ha vinto, mi scusi, davanti a Niki Lauda!

Più veloce dei suoi compagni di squadra alla scoperta della Porsche!

“Ayrton Senna ed io eravamo dell’opinione che partecipare alla 1000 km del Nürburgring potesse essere solo utile per conoscere ancora meglio la pista e quindi avere un vantaggio sugli altri piloti di F1 che non avevano più corso con la nuova circuito”, ci ha detto Domingos Piedade. “Dato che all’epoca ero il direttore sportivo della Joest Racing, è stato facile per me trovargli un posto come terzo pilota, insieme a Henri Pescarolo e Stefan Johansson. Ricordo benissimo che Ayrton, assorto nei test di F1, arrivò solo in ritardo al Nürburgring. È stato quindi in grado di completare solo pochi giri verso la fine delle qualifiche, ma gli è bastato per essere più veloce dei suoi compagni di squadra. Questo, al volante di un’auto che non aveva mai guidato prima… Questo dimostra il suo immenso talento! »

Henri Pescarolo, forte delle sue quattro vittorie alla 24 Ore di Le Mans (1972, 1973, 1974 e 1984), e dei suoi 56 GP di F1 disputati dal 1968 al 1976 con come
miglior risultato un 3° posto a Monaco nel 1970, era stato designato a prendere il via di questi 1000 km dal Nürburgring. Purtroppo un problema al cavo dell’acceleratore gli ha fatto perdere diversi giri. Domingos Piedade ha quindi chiesto a Senna di eseguire un doppio stint per recuperare buona parte del ritardo iniziale il più rapidamente possibile. Praticamente ultima, la Porsche 956 di Senna è risalita fino all’8° posto.

“Questo ragazzo sarà campione del mondo un giorno! »

“Quando Senna è subentrato a Pescarolo la pista era ancora asciutta ma la pioggia non tardava a cadere”, ha proseguito Domingos Piedade. “Ayrton mi ha subito chiamato via radio per chiedermi quanti giri gli mancavano prima di fare rifornimento. Ne mancavano solo sette e ha deciso di rimanere sulle slick sulla pista bagnata. Una volta rientrato ai box, è stato dotato di gomme da pioggia e, appena rientrato in pista, ha dato una vera dimostrazione. Mai prima d’ora avevamo visto un pilota guidare così veloce con una Porsche sotto la pioggia. Nemmeno Stefan Bellof, che era comunque considerato un maestro nel campo e che alla fine avrebbe vinto la gara al volante della Porsche 956 ufficiale, che condivideva con Derek Bell.

Domingos Piedade ha anche ricordato molto bene che Manfred Kremer, il capo del Kremer Racing Team, gli è corso incontro per chiedergli: “Chi è questo ragazzo con il casco giallo che guida la tua Porsche come un dio? Non so chi sia ma ti posso assicurare che un giorno sarà campione del mondo! Non ho mai visto nessuno essere così veloce ed efficiente sotto la pioggia”. Come previsto, Senna si è fermato dopo il suo doppio stint e ha lasciato il circuito prima del traguardo per raggiungere l’aeroporto di Colonia. Era atteso in Inghilterra, sul circuito di Snetterton, per testare la vettura di F1 della Toleman. Appena arrivato a Londra, Senna chiamò subito Piedade per fargli la sua analisi della gara. “Un’analisi che è allo stesso tempo molto dettagliata e semplicemente incredibile”, ci ha detto Domingos Piedade. “Ho riempito due pagine del mio taccuino con una miriade di indicazioni. Dalla sua testa, mi aveva saputo dire la pressione del turbo entrando in una curva del genere, a una tale velocità, e quali modifiche bisognava fare per avere un’auto più efficiente in uscita di curva, rettilineo e in frenata! È stato davvero prodigioso. Ho quindi telefonato a Reinhold Joest, il capo della squadra, per fargli sapere dei commenti di Senna. All’epoca, Reinhold Joest non voleva credere a Piedade: “Non lo è

non è possibile, sei stato tu a dirgli quale fosse la pressione del turbo che stavamo usando”, ha risposto il team manager tedesco. “Un pilota coinvolto in gara non può essere in grado di analizzare il comportamento della vettura in modo così preciso. Un pilota “normale” potrebbe non essere stato in grado di farlo, ma Ayrton Senna non era un pilota “normale”! Reinhold Joest e Domingos Piedade non furono gli unici ad accorgersene. Peter Warr e Gérard Ducarouge, che hanno assunto Senna la stagione successiva con la Lotus, avrebbero dovuto fare la stessa osservazione. “L’arrivo di Senna alla Lotus è stato davvero molto positivo. Ayrton beneficia di una prodigiosa sensibilità per lo sviluppo. Sente perfettamente i movimenti fisici dell’auto e mantiene la testa abbastanza fresca da poter registrare tutto”, disse Peter Warr nel 1985. A quel tempo, la telemetria diretta non esisteva ancora. La F1 aveva una semplice scatola nera che doveva essere svuotata ai box per due o tre minuti prima di poter vedere i dati registrati. Con Senna non c’era bisogno di aspettare: ogni sua analisi sul posto era così precisa e dettagliata da corrispondere esattamente alle informazioni fornite pochi minuti dopo da
la scatola nera!

“E’ davvero incredibile, questo ragazzo è magico”, esclamò un giorno Gérard Ducarouge, incantato da questo giovane pilota che, dopo una sola stagione di F1, ha potuto analizzare come una monoposto e il suo motore in modo così rilevante . È nato il soprannome “Magic Senna”! Domingos Piedade aveva allora una formula ancora più esplicita per qualificare l’incommensurabile talento di Senna: “Ayrton è il pilota il cui legame con le natiche e la macchina è di gran lunga il più compiuto…”

Reinhold Joest e i funzionari della Porsche avrebbero voluto rivedere Ayrton Senna al volante di una Porsche 956. Ahimè, questi 1000 km del Nürburgring sarebbero stati un’esperienza senza futuro, l’ultima infedeltà di Senna alla F1, se si esclude la gara di kart Parigi-Bercy, alla fine della stagione 1993, sei mesi prima del suo incidente. avvenuta il 1 maggio 1994 sul circuito di Imola.

Testo: LAURENT MISSBAUER
Immagini: PAUL-HENRI CAHIER, ARCHIVIO PORSCHE.

Share Post