Aston DB5, una delle vetture più emblematiche della settima arte…

Per un vasto pubblico, le sue linee eleganti e decise evocano inconsciamente il gusto per l’avventura. L’occhio dell’intenditore non si sbaglia e riconosce la mitica Aston Martin DB5, un iconico veicolo cinematografico. Immergiti nel cuore della storia di questo veicolo eccezionale che ha segnato per sempre la saga di James Bond…

Proprio l’evocazione del modello Aston Martin DB5 è la garanzia di coniugare l’eleganza di due mondi: l’auto sportiva di lusso e il cinema glamour. Da sola, questa vettura soddisfa davvero tutti i criteri necessari. La manifattura inglese Aston Martin, fondata nel 1914 da Lionel Martin e Robert Bamford e acquistata dall’industriale David Brown le cui iniziali saranno all’origine dei modelli DB del marchio, produce i primi modelli in piccola serie che beneficeranno fino al 1958 di un eccellente reputazione tra i ricchi acquirenti. La DB5 ha segnato la sua era combinando un vestito distinto e una meccanica potente, mentre mostrava una freccia cromata sui lati anteriori e una griglia a “T rovesciata”. Quest’ultima caratteristica è anche la più visibile e caratteristica del brand. La sua linea non è nuova, poiché riprende le forme curve della DB4.

Prodotto in più di 1.000 unità tra il 1963 e il 1965, il modello DB5 era disponibile in versione coupé e cabriolet, poi in una station wagon da tiro in edizione limitata. Questo nuovo modello, che succede alla DB4 e precede la DB6, è diverso dai precedenti per compensare una mancanza di creatività. La fabbrica fece appello a un maestro della carrozzeria italiana dell’epoca, la Carrozzeria Touring , che si occupò della produzione della carrozzeria in alluminio utilizzando il suo processo “ Superleggera ”.

Non resta che organizzare la promozione del suo modello a David Brown ed è con un colpo da maestro che lo fa apparire per la prima volta nel film Goldfinger di Guy Hamilton nel 1964 con Sean Connery, terzo della saga. Poi la troviamo in altri 6 film di James Bond: Thunderball (1965), GoldenEye (1995), Tomorrow Never Dies (1997), Casino Royale (2006), Skyfall (2012) e 007 Spectre (2015).

L’auto di James Bond

Questa prima auto è stata creata dall’esperto di effetti speciali John Stears, ispirata all’Aston Martin DB Mark 3 dal romanzo Goldfinger originale del 1959 di Ian Fleming. E’ preparato ed equipaggiato dalla sezione “Q” di ricerca e sviluppo dell’MI6, con molti gadget per le missioni 007, tra cui una targa intercambiabile a scomparsa (BMT 216A (UK), 4711-EA-62 (Francia), o LU 6789 (Svizzera) ), una doppia mitragliatrice calibro Browning 1919, uno Springfield 30-06 dietro gli indicatori di direzione anteriori, speroni telescopici nelle ruote posteriori, bocchette a parete olio o fumo, un sedile passeggero eiettabile, finestrini antiproiettile e scudo posteriore removibile… non per menzionare l’indispensabile refrigeratore per champagne nel bracciolo per queste signore. Insomma, una lista infernale che ha abbastanza per soddisfare le più famose spie britanniche!

Fu allora che la DB5 divenne molto rapidamente la “macchina di James Bond” e riscosse un grande successo in tutto il mondo. La popolarità del marchio deriva enormemente dal film e questa promozione “su larga scala” si eclissa fino alla vittoria conquistata alla 24 Ore di Le Mans 1959 da un’Aston Martin DBR1, nonché al titolo di campione del mondo costruttori vinto lo stesso anno. .

Le tre copie utilizzate per il film sono esposte, secondo i modelli, alla New York International Fair 1964-1965, al London Film Museum allestito alla London County Hall poi al Covent Garden, oltre che al Louwman Museum dell’Aia nei Paesi Bassi -Basso. Uno dei modelli è stato venduto all’asta nel 2010 da Sotheby’s a Londra per 2,6 milioni di sterline (3,3 milioni di euro) ma è stato nell’agosto 2019 che Sotheby’s ha confermato la vendita dell’auto guidata da Sean Connery per la modica cifra di 6,4 milioni di dollari! Veicolo che è stato rinnovato anche nel 2012 dalla società svizzera Roos Engineering , una delle 13 aziende al mondo approvate da Aston Martin per il restauro delle proprie vetture.

Se ne hai voglia, l’Aston Martin annuncia la sua intenzione di costruire intorno al 2020, 25 repliche DB5 007 da collezione per un prezzo annunciato di 2,7 milioni di sterline ciascuno. La DB5 ha ancora un brillante futuro davanti a sé e non ha finito di parlarne…

Share Post