Advocacy per un circuito automobilistico in Svizzera

Advocacy per un circuito automobilistico in Svizzera

Legislazione sorprendente

Se la Svizzera può essere orgogliosa di ospitare le principali federazioni internazionali di sport motoristici, tanti campioni, e un parcheggio che dà il posto d’onore ai veicoli premium, deploriamo comunque l’assenza di un circuito degno di questo nome nella confederazione .

Quindi sicuramente la normativa autorizza i cantoni ad organizzare gare su percorsi temporanei , sia per speciali rally, sia per gare di Formula E in città. Saremo comunque d’accordo che un circuito sicuro, senza alberi, case o sorprese sull’asfalto, dovrebbe trovare anche un parere favorevole. Tuttavia, non lo è.

Altra concessione, sono consentite attività a circuito chiuso, ma senza cronometro e quindi senza competizione, né possibilità di avanzamento nel proprio sport. Inoltre, l’unico pseudocircuito del TCS a Lignières (NE) consente solo corsi di istruzione sulla sua minipista di 1,35 km con 6 curve, quando quella di Bremgarten (BE) era di 7,28 km nel 1955.

Quindi non c’è ancora spazio per una guida ricreativa e sicura.

La storia di un trauma di 66 anni

Questa situazione ha le sue radici in un evento drammatico che ha fatto precipitare il Paese in una forma di oscurantismo già da 66 anni. Durante la 24 Ore di Le Mans del 1955 (in Francia), un terribile incidente provocò la morte istantanea di oltre 70 persone , con oltre 120 feriti. La Mercedes 300 SLR di Pierre Levegh, volendo evitare la collisione con una Jaguar che frenava tardi per entrare ai box, sterza e trova una Austin Healey su cui si appoggia per essere espulsa in tribuna che attraversa per esplodere lì, nel bel mezzo di un folla densa. L’esplosione è stata tale da spingere una moltitudine di detriti in giro, incluso il motore e il ponte. Fu persino lanciata una carica per additivo proibito nel carburante, tanto che la potenza dell’esplosione sembrava enorme.

La reazione è stata radicale, emotiva e senza appello: il divieto di tutti gli sport motoristici in Svizzera , timbrato dall’articolo 52 della legge sulla sicurezza stradale. Da allora, il nostro sistema conservatore ha bloccato ogni desiderio di cambiamento, scartando ogni iniziativa finora avviata. Che sia stato quello del deputato Ulrich Giezendanner nel 2003 a revocare il divieto, o quelli volti a creare circuiti nel Giura o nel Vallese.

Tuttavia, le argomentazioni dei partigiani non mancano

Sembra addirittura che tutti dovrebbero vincere

 

Il mercato è presente e in attesa:

  • Secondo l’OFS, nel 2020 il nostro parco auto contava 4,7 milioni di veicoli passeggeri. E i dati pubblicati dall’RTS indicano che nel 2017 il 43% di queste auto aveva un motore da oltre 160 CV e l’11% addirittura superava i 270 CV! Ciò rappresenta per quest’ultimo un totale significativo di 517.000 vetture da corsa . Sì, è molto per i veicoli che possono solo divertirsi a pieno sul circuito.
  • Anche i motociclisti sono preoccupati perché anche loro potrebbero trarne vantaggio.
  • La formazione degli agenti di polizia, degli assistenti delle ambulanze e dei vigili del fuoco dipende in parte da questo tipo di infrastruttura.
  • Proprio come il gran numero di piloti residenti , siano essi ancora giovani o già famosi.
  • Senza dimenticare la stampa automobilistica che è anche sistematicamente costretta a varcare i confini.

L’industria beneficerebbe anche:

  • Molte aziende nazionali sono parte integrante della sfera automobilistica, senza beneficiare di infrastrutture adeguate: Sauber, Kyburz, Rebellion-motors, GreenGT, preparatori, ecc.
  • Le grandi scuole che partecipano all’eco-maratona, il cui obiettivo è percorrere più chilometri possibili con un solo litro di benzina.
  • Le federazioni internazionali come la FIA e la FIM, che hanno sede sul territorio, avrebbero il compito più facile di organizzare eventi locali.
  • Probabilmente promuoverebbe anche la rinascita o la creazione di marchi nazionali , come Martini, Stella, Hispano-Suiza e altre meraviglie sepolte nei nostri musei.

La nostra eredità sarebbe onorata:

  • I numerosi club di auto d’epoca avrebbero un posto dove incontrarsi e dare vita alla nostra storia automobilistica in tutta sicurezza.

Si potrebbe sviluppare una funzione educativa:

  • I giovani piloti, desiderosi di emozioni, vi troverebbero uno sbocco sicuro . Il severo divieto è molto più pericoloso, nel senso che trattiene solo i più docili e rimanda comportamenti pericolosi su strade aperte a tutti.
  • Mentre grazie a un circuito accessibile, i principianti potrebbero imparare i limiti delle proprie auto senza mettere in pericolo la propria vita o quella degli altri. Infatti, una volta che un utente conosce i limiti di una macchina, qualunque essa sia, è molto più raro che ne faccia un uso pericoloso.

 

Un circuito sul territorio sarebbe quindi economicamente molto redditizio e allo stesso tempo porterebbe maggiore sicurezza a tutta la comunità .

Un’opposizione prende in prestito buoni sentimenti

Dalla parte dell’opposizione troviamo gli ecologisti con il loro divieto che ci impone la loro moralità e la loro visione di un mondo migliore, popolato da uomini nuovi che si allontanano “da macchine puzzolenti e inquinanti, da questi giochi indegni dell’antica Roma” (Franziska Teuscher ). Ma cosa sanno della storia dell’automobile, di questa formidabile avventura umana che ci unisce sotto i valori di libertà, audacia, creatività e progresso tecnico? Mentre senza questa passione che vive in noi consumeremmo comunque 30 litri ogni 100 km. Per non parlare di tutte le navi e di molti velivoli che beneficiano direttamente dello sviluppo dei motori delle automobili.

E perché costringere a tutti i costi gli appassionati di motorsport a percorrere centinaia di chilometri per spendere la benzina ei soldi della loro passione fuori dai confini? E chi si assume la sua parte di responsabilità quando i più giovani cercano i propri limiti su strade aperte?

Un ambiente da rispettare

Quindi sì, ci sono comunque delle osservazioni da tenere in considerazione per non fare nulla. E bisogna tenere presente che l’obiettivo è avere un circuito per la guida sportiva aperto al maggior numero di persone possibile. Insomma, bisogna stare attenti a non essere troppo avidi, evitando di inebriarsi delle opportunità faraoniche che poteva offrire un circuito reale, e che sono già state fatali ai progetti precedenti. Ecco alcune idee non esaustive di limiti da porre:

 

  • Tutte le norme relative alle nuove costruzioni devono essere rispettate
  • Un tour non deve comportare la distruzione di foreste o la messa in pericolo della fauna selvatica
  • Il numero dei posti in asfalto deve essere limitato, ed essere assicurato su prenotazione
  • Il numero dei posti in tribuna dovrà essere limitato, a seconda delle esigenze della località
  • La tipologia di gare cronometrate cui il circuito può avvalersi deve essere preventivamente discussa con i comuni interessati.
  • Il livello sonoro e l’inquinamento generato dalla sua attività non devono arrecare disturbo ai residenti

 

Quest’ultimo punto è il più delicato, perché dipende da una valutazione molto soggettiva, basata su giudizi di valore molto personali. Ognuno considera il proprio diritto ad inquinare secondo le proprie convinzioni, o più prosaicamente, secondo i propri centri di interesse. Questo è il motivo per cui viaggiare in aereo è ben accettato, mentre è più probabile che il piacere di guidare venga giudicato stupido. Ma ancora una volta, non possiamo riutilizzare tutto questo patrimonio abbandonato di ex poligoni di tiro o aeroporti militari per restituirlo a un’attività molto meno rumorosa e inquinante?

L’aeroporto di Raron che ha ospitato la sparatoria federale del 2015 andrebbe bene

Un futuro lieto fine in cui tutti sarebbero vincitori?

Quindi ora che la new wave ha vinto la sua causa capovolgendo il mercato automobilistico mondiale, imponendo ovunque la fata dell’elettricità (probabilmente per eccesso di fata verde), sarà finalmente possibile godersi un circuito ricreativo e sicuro?

 

Perché noi ci siamo. Nonostante le previsioni che si sono sempre rivelate sbagliate, la quota dell’elettrico finalmente decolla con 43.400 unità nel 2020, contro le 28.700 unità del 2019 e le 750 unità del 2018 (fonte: OFS). Il trend ora è chiaro, anche se la pendenza è ancora difficile da estrapolare. Tuttavia, la redditività di un circuito interamente dedicato all’energia elettrica sembra sempre più opportuna . L’unico investimento aggiuntivo prevedibile rispetto a un circuito europeo sarebbe l’acquisizione di caricabatterie veloci per consentire ai clienti di tornare a casa dopo una grande giornata di piacere di guida.Questo sogno sembra dunque divenire possibile , e spero di vedere presto apparire un nuovo alfiere che finalmente riuscirà!

Share Post